di passaggio

20/11/18

Però ogni tanto anch'io vorrei sfogarmi su queste vicende politiche. Un po' come fanno quelli che danno addosso ai migranti o si azzuffano sul razzismo di Salvini. Vorrei prendermela con chi ha causato la 'Brexit' di scuola, università e ricerca in Italia riempiendosi la bocca di meritocrazia ed eccellenza. Vorrei prendermela con chi devasta territorio e ambiente minando la competitività e vivibilità del Belpaese e compromettendo le generazioni future. Vorrei prendermela con chi ha umiliato le istituzioni italiane e continua a umiliarle invece di creare un terreno comune perché si inizi a affrontare alcuni di questi problemi. Vorrei prendermela anche con quelli che stanno svilendo l'istituzione europea con scelte pessime, atteggiamenti irresponsabili e parole a vanvera. Vorrei poter dire che non condivido le scelte prese dall'UE senza essere tacciato di anti-europeismo.

 Invece, purtroppo, ogni pensiero un po' più complesso di "immigrati ladri" e "Salvini razzista" viene perso e disperso, confuso e deriso. Ecco, questo mi preoccupa. Abbiamo perso la capacità di un pensiero complesso che sappia affrontare la complessità di questi tempi. Questo crea frustrazione perché, poi, non vedo nessuno in giro che voglia confrontarsi con questa complessità.

 Ora, dopo aver scritto e condiviso tutto questo, torno a tacere.

Read more...

Il mio problema politico attuale

20/09/18

Ho capito che Salvini e amichetti "fanno schifo" (parole testuali lette ripetutamente su Facebook). Ma allora che si fa? Se l'Italia di Salvini e' quella che non vogliamo, qual e' quella che vogliamo? No perché io ho gia' passato il tempo a dire che Berlusconi era tutto il male possibile, ma non mi pare molto produttivo, anzi. Ci puo' stare dire che Salvini fa schifo a qualcuno, ma poi? Perché poi io posso anche essere d'accordo, ma non tornerei MAI a Renzi-Boschi-Delrio!
Ecco, mi piacerebbe che chi si oppone a questo attuale governo a trazione leghista si ponesse il problema di offrire un modello alternativo.

Lo so, sono esigente. 

Read more...

Tempo traslocare

06/08/18


TERREMOTO! Tempo traslocare, tenzone temeraria.

Trauma taumaturgico, tabella tattica tassativa. Temperatura torrida tropicale, tremenda tentazione temporeggiare! Tintarella tipica tarderà. Temprato tenore, tosto tutto trasferirà territorio! Tempo topaia tumefatta terminato!

Trasbordare teli tappetini tende telefoni tortiere tovaglioli tartufi trapunte. Tinteggiare trafori trapanati. Trafila tradizionalmente tranquilla. Titolare talamo tiene tanti, troppi tronchi tagliati trasformati testi (TONNELLATE!). Turco turpiloquio, tempestivo tacitare testicoli tornanti. Tabù. Tecnica tattica teoria, tutto tentato: tempo tiranno, termine temuto. 

Tempo tenebra, tardivo tragitto taverna: terapia tintinnante, teutonica tradizione. Trance.

Tempo tutto trasferito, tutti trionfanti: tripudio!

Read more...

a UEn certo punto però va detto.

04/08/18

Però, per quanto io sia un europeista convinto (oserei dire integralista), più studio l'UE più mi rendo conto di una serie di storture micidiali. E' molto difficile promuovere o almeno difendere l'idea di un'Europa unita quando l'UE è fatta così male.
L'iniqua rappresentanza politica mischiata a una comunicazione politica spesso volutamente scorretta sono accompagnate da una progressiva riduzione dei fondi per le regioni più deboli a favore di una redistribuzione per i più ricchi attraverso discutibilissimi meccanismi per le politiche agricole e di ricerca e innovazione.
 Ecco, se l'UE cambiasse radicalmente politica e politiche allora tornerebbe a essere amata dai propri cittadini, ma oggi si gioca sulla confusione. Invocare più di questa Europa è una presa per i fondelli, fa male a chi è europeista. L'Italia è qualcosa di bellissimo, anche se chi governa non mi piace. Ecco, vorrei spiegare questa cosa: l'Europa sarebbe grandiosa, ma purtroppo abbiamo pessimi governanti.

Ecco, l'ho detto.

Read more...

Lo dico? Lo dico.

20/03/18

Per me le prossime tappe della politica italiana saranno più o meno queste.

 Il centrodestra proporrà al senato una qualche Bonino per ottenere che il pd in cambio sostenga una qualche Gelmini o Meloni alla Camera (così pure due donne e pare un qualcosa progressista che attiri attenzione dei giornali).

 A questo punto Mattarella offre l'incarico a un qualche leghista che non sia Salvini perché troppo divisivo, qualcuno tipo Maroni o Giorgetti. Fi da la parte del pontiere con Berlusconi che si atteggia da padre della nazione. A quel punto il pd va nel solito psicodramma ma alla fine accetta ottenendo gli esteri per un qualche Orfini di turno e che gli interni vadano a fi e non alla lega. Le altre caselle poi si distribuiscono facilmente. È possibile che serva qualche giro a vuoto prima di arrivare a questa soluzione. Se necessario manderanno a umiliazione Di Maio tanto per divertirsi a dirgli di no.

 Al momento del primo voto di fiducia il pd perde qualche pezzo, Renzi dice di sì per "responsabilità" ma il giorno dopo esce e si fonda il suo nuovo partito, mentre il m5s fa caciara per essere stato escluso da tutto. Fantapolitica? Forse. Avrò sbagliato i nomi? Sicuramente. É uno scenario che mi entusiasma? Manco per sogno, ma non vedo alternative. Alla peggio, mi sarò divertito a raccontarvi questa storiella, l'importante é che non mi prendiate troppo sul serio.

--- Buona giornata.

PS
Provate a fare questo esercizio. Ripetere tutti in coro "lega e m5s vogliono allearsi. Che paura! Che paura!". Dopo tre settimane così, in cui ci siamo convinti tutti a vicenda, vedrete che questo scenario non sembrerà altro che un gradito sollievo, mentre chi non avrà praticato questo mantra troverebbe tutto questo tremendamente indigesto...

 "Lega e m5s vogliono allearsi. Che paura! Che paura!".
 "Lega e m5s vogliono allearsi. Che paura! Che paura!".
 "Lega e m5s vogliono allearsi. Che paura! Che paura!".
 "Lega e m5s vogliono allearsi. Che paura! Che paura!".

Read more...

For wayfarers | Per i viandanti

Duke's guests | Ospiti regolari

  © Free Blogger Templates Columnus by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP