non è la fatica, è lo spreco che mi fa imbestialire

21/07/11

Canto spesso questa canzone ripensando alla mia generazione: sarebbe bello ridere di noi! Una generazione sprecata da una crisi che ci condanna al precariato e la rabbia non riesce a prendere forma ché i responsabili sono lontani, invisibili, inidentificabili dietro anonimissimi indici, spread, btp, bund e altre robe che nessuno capisce mai cosa siano ma, soprattutto, chi ci sia dietro.

Uno spreco dettato dalla miopia di chi ci ha preceduto e che, purtroppo, non verrà ripagato. Inevitabile pensare alla generazione precedente a cui successe lo stesso: mi riferisco alla generazione dei giovani che subirono le due Guerre Mondiali al cui confronto i nostri problemi sono inezie e per questo, mi dicono, non dovremmo lamentarci.

Eppure, la rabbia rimane, soprattutto per l'impotenza di poter intervenire a far qualcosa visto che l'imminenza richiede di far qualcosa almeno per se stessi, almeno.
Ma chi l'avrebbe detto...

2 commenti:

Marco Zanzi 22 luglio 2011 10:09  

Che sia per questo che litigo invano con i miei genitori (che han studiato e avuto molto) mentre mi trovo così d'accordo col mio nonno 82-enne analfabeta?

Duca XXI 22 luglio 2011 10:18  

sì, probabilmente sì!

For wayfarers | Per i viandanti

Duke's guests | Ospiti regolari

  © Free Blogger Templates Columnus by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP