Articolo 4 - di un passaggio importante

01/12/07

Art. 4 - La Repubblica Italiana riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendono effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un'attività o una funzione che concorra al progresso materiale e spirituale della società.
Mi piace partire dalla nostra Costituzione, mi piace partire dall'articolo più caro a Danilo Dolci, grande padre della patria un po' troppo dimenticato, mi piace usare la Costituzione per commentare la mia vita, me la fa sentire un po' più mia (ogni tanto, a me mi piace usare qualche lombardismo...).

Al fine, l'esame di cui parlai tempo fa (1 e 2) è andato bene nonostante un po' di peripezie: scritto maluccio (16esimo su 20), ma miracoloso recupero all'orale (se si guarda solo l'orale sono il primo, con la somma dei due sono nono). E quindi che dottorato sia! [Per chi non fosse pratico, conta soprattutto la posizione in graduatoria per avere la borsa ed essendocene 12 sono riuscito ad entrare con borsa, mentre dopo la I prova ero fuori].
Per chi meno mi conosce, io ho sempre fatto assai confusione con le istituzioni accademiche, o forse il Poli continua a sbagliare etichette: dopo aver studiato Planning in una Facoltà di Architettura, ora studierò Economia in un Dipartimento di Ingegneria (oltre ad essere stato rappresentante degli studenti a tratti anche per Designer ed Ing. Edili/Architetti).
Forse anche per questo sono così convinto di quello che dice Morin che è necessaria una radicale ridefinizione delle discipline.
Negli ultimi giorni sono stato impegnato in un po' di vicende pratiche: chiudere il vecchio lavoro (ci sono quasi), iniziare ad insediarmi nel nuovo ufficio dove, per la prima volta, ho una mia scrivania, un mio telefono, la casella di posta ufficiale e - volendo - anche un PC (ma uso il mio portatile che è più potente). Fortunato con i compagni di stanza (almeno, il primo impatto è positivo), ora dovrò mettere anche il nome fuori dalla porta (si va in ordine alfabetico o in ordine gerarchico? Mah...) e piano piano insediarmi.

Comincia una nuova fase, se prima dovevo dire "non sono arch", ora dovrò abituarmi a dire "non sono ing". Sia chiaro che non lo faccio per antipatia o quant'altro, semplicemente per rispetto verso chi ha studiato e studia quelle cose. Tant'è...
Tecnicamente, la mia disciplina si chiama economia urbana e regionale o economia territoriale (è la stessa roba, per il ministero rientrano nel settore delle "economie applicate" assieme alle economie industriali...) e sto iniziando ad occuparmi di valutazione di impatto territoriale. I corsi iniziano da Gennaio, ma intanto mi porto avanti.

E quindi si parte, via così e chi vivrà vedrà. Ripenso alla laurea e al diploma, al vecchio blog e di quando finì e di quando iniziò, di quando iniziai questo e di quando andai e tornai da Bolzano. Per il resto, manca ancora una sola delle novità attese a giorni (di quelle grandi novità, s'intende), vi farò sapere a tempo debito...

3 commenti:

CarloP 1 dicembre 2007 12:41  

In bocca al lupo. Ti seguiremo passopasso.

Ma andrai a finire in Bovisa no?

Duca 1 dicembre 2007 13:07  

Sì, finirò in Bovisa, ma probabilmente la mia parte arriverà un anno dopo nel 2009. Vediamo, in fondo da casa mia la Bovisa è pure più comoda ;-)

Patricia Gordillo Serrano 4 dicembre 2007 16:02  

Stimati Duca:

Vi invito affettuosamente a visitare il mio foglio o pagina in Internet dove troveranno i miei romanza e le mie poesie

Penso che per me possa essere molto importante leggere e lasciare il loro pensiero o interpretazioni sulle stessi poesie.

Volentieri


Patricia Gordillo

Córdoba - Argentina

www.patriciagordillo.com.ar




Mie poesie all' Italiano:

STRADE

I COLORI

INNALZA L’ANIMA

LASCIANDO QUELLA TERRA LONTANA

PROFONDITÀ

For wayfarers | Per i viandanti

Duke's guests | Ospiti regolari

  © Free Blogger Templates Columnus by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP